«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

mercoledì 5 aprile 2017

Don Minutella: nascondersi nelle catacombe per dir messa - Padre Minutella: “Tomemos posiciones antes de que cambien la Misa”




El texto en español está abajo

Fonte: 

Don Alessandro Minutella, sacerdote palermitano, parroco della Parrocchia San Giovanni Bosco, dottore in dogmatica e in storia del dogma cristiano, esperto Internazionale del teologo Hans Urs Von Balthasar, scrittore prolifico, produttore di video cattolici su youtube, Facebook e Gloria TV, nonché guida spirituale, è stato rimosso dall’Arcivescovo di Palermo Mons. Lorefice per aver sollevato dubbi e perplessità sulle ultime novità introdotte dalla chiesa di Bergoglio. 
La West Africa Corporation lo ha raggiunto telefonicamente per approfondire il caso.

Dunque Don Alessandro, le sono stati dati 15 giorni per lasciare la Parrocchia, giusto?
Dove andrà allo scadere?
Non lo so esattamente perché alla richiesta di lasciare la Parrocchia non corrisponde un’altra destinazione di carattere pastorale e questo è abbastanza singolare perché diciamo che in salute sto abbastanza bene.

Quindi giustamente non ha bisogno di prendersi il periodo di riposo che le è stato detto..
Esatto, esattamente.
Ho detto al Vescovo che non ho alcuna intenzione di riposare perché lo farò poi nella Patria Eterna, ora è tempo di lottare e difendere la fede. Quindi non so esattamente quali potranno essere le frontiere pastorali dell’annuncio della fede, della difesa della sana dottrina. Vedremo..

E perché dice che dovrà nascondersi nelle catacombe per dir messa?
In realtà questa è una maniera per far comprendere che la vera Chiesa, quella che rimane ancora autenticamente Cattolica, è destinata – chissà per quanto tempo, solo Dio lo sa, come prevede peraltro anche il Catechismo della Chiesa Cattolica – in questa prova finale a starsene piuttosto clandestina.

Ma perché un simile provvedimento?
Nel provvedimento dell’Arcivescovo si parla inoltre di confusione che lei starebbe creando. Cosa ne pensa?
Il Vescovo usa la parola confusione però subito dopo aggiunge la parola scandalo..

Che è ancora peggio..
Appunto per quello la rimarco. La parola scandalo mi sembra veramente una parola molto forte e oltre ogni misura.

Si parla anche di obbedienza verso i superiori a cui lei è tenuto.
Ma l’obbedienza vale anche quando viene cambiata la Verità e viene messa in discussione la vera Dottrina Sociale della Chiesa insegnata da Gesù? Dopotutto, fino a che punto si è tenuti all’obbedienza?
No, no, non si è tenuti all’obbedienza.
San Tommaso D’Aquino dice che in quel caso diventa sudditanza. Quando viene imposta un’obbedienza che non aderisce al criterio della giustizia e financo a quello della verità, quindi un’obbedienza senza verità e senza giustizia, diventa imposizione. E quindi non si chiede più un’obbedienza in senso teologico come quella di Gesù Cristo al Padre, ma diventa sudditanza. Con ogni chiarezza San Tommaso D’Aquino nella Summa Theologiae dice che in quel caso non bisogna obbedire.
Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, quindi quando gli uomini al Governo si fanno interpreti non della legge di Dio, non della volontà di Dio, ma dei propri capricci e delle proprie ideologie, lì non bisogna obbedire.

Come ha reagito la comunità, non appena appresa la notizia? So che lei è molto legato ai suoi fedeli. Oltre che essere molto seguito, riempie le Chiese, senza dover necessariamente fare aperitivi..
Questo è abbastanza singolare. Vorrei a tal riguardo ringraziare il Cardinale Sarah che ieri ha fatto quella dichiarazione dicendo che i problemi nella Chiesa se non financo allo scisma sono procurati da una distorsione veramente senza precedenti della Liturgia. Infatti la Liturgia è la prima fonte di evangelizzazione.
Ha ragione lei. Non so da quali fonti attinga però le posso confermare che effettivamente dovunque vado, quando si sa che ci sono io, lì la Chiesa si riempie.
Non so questo da cosa dipenda..
Ci sarà il carisma evidentemente, ma per quello che mi riguarda c’è un rispetto direi quasi ossessivo per le norme liturgiche..
Quindi da questo punto di vista veramente la comunità che guido, la comunità parrocchiale innanzitutto.. poi direi anche la comunità virtuale perché sono seguito in tutta Italia grazie a Radio Domina con grande sconcerto, con grande sofferenza, con grande dolore.

Tra l’altro la cosa strana è che in questo periodo di crisi della fede lei è molto seguito.
Allora io mi chiedo: ma che cosa vedono in lei? Che cosa cercano in lei? Uno che asseconda ogni richiesta, come la chiesa di Bergoglio? Oppure forse queste persone sono alla ricerca di certezza e verità, rispetto delle tradizioni e del Vangelo, spiraglio di luce, speranza?
Guardi le dirò la verità, poc’anzi leggevo uno dei tanti blog che vanno addosso al sottoscritto dove venivo paragonato da un gruppo di professorini di teologia al ‘Masaniello’ della Chiesa Cattolica..
Proprio questo mi fa molto riflettere..
Le dirò la verità: io credo che questo seguito in tutta Italia sia dato dal fatto che come prete mi sono presentato non alla maniera dei tanti che scrivono dalla cattedra seduti comodamente nelle loro poltrone. Lì non c’è nessuna battaglia, non c’è nessuna riscossa e nessuna resistenza. Io mi sono messo in gioco perché sono sceso in campo. Quindi scendendo in campo sapevo a cosa potevo andare in contro.

Credo che la gente, il popolo di Dio, questo tanto decantato popolo di Dio, come la Lumen Gentium, il documento dogmatico, la concezione dogmatica del Concilio Vaticano II sottolinea che la Chiesa è il popolo di Dio.. ecco il popolo di Dio ha percepito da parte mia questo mio bisogno, da pastore, da ‘chi fa odor di pecore’ come dice Francesco, di scendere in campo per dire che c’è qualcosa che non va. La gente l’ha percepito ed ecco la risposta che sta infastidendo non solo l’establishment ma anche tutto l’insieme di questi ‘maitre à penser’ che pensavano fosse sufficiente all’allungo con la denuncia senza però mai darsi da fare.


Lei pensa che molti sacerdoti reagiranno a questa situazione che si è venuta a formare all’interno della Chiesa oppure resteranno in silenzio usando l’obbedienza al Sommo Pontefice come scusa?
Ma guardi io questo purtroppo non sono in grado di anticiparglielo. Spererei tanto che ci fosse una reazione naturalmente buona, serena però una reazione significativa perché posso dirle che c’è un contatto con tanti sacerdoti di tutta Italia che manifestano questa difficoltà di fronte a questo tipo di aperture che ultimamente ci sono state.
Questo si può fare. Non siamo in un regime. Questo si può fare, si deve fare. Guai a noi se non lo facciamo.
Vorrei dire anche un’altra cosa con quella parresia e franchezza a cui Papa Francesco ci chiama. Vorrei sottolineare che si è tanto decantato il problema di un pontificato di Ratzinger, Benedetto XVI, come il pontificato dell’immobilismo dogmatico.. In realtà negli 8-9 anni di pontificato ratzingeriano chiunque poteva esprimere il proprio punto di vista. La Chiesa sembrava essere divenuta addirittura un’Agorà dove ognuno arrivava, esprimeva il proprio punto di vista e veniva accreditato. Proprio sotto il pontificato di quello che veniva considerato, diciamo così, una sorta di ‘sceriffo’ della fede..
Invece adesso nei quattro anni del pontificato di Bergoglio, proprio con Papa Francesco che è il Papa del dialogo, della misericordia, dell’apertura, sembra quasi, e il sottoscritto ne è purtroppo per me una testimonianza evidente, che se uno per varie ragioni di carattere teologico, dottrinale, dogmatico, spirituale esprime nel rispetto un disagio, una difficoltà a capire ecco cosa accade.. che io tra quindici giorni, anche meno ormai dovrei riportare le chiavi della Parrocchia al Vescovo.

Quanta paura c’è d’essere raggiunti da sanzioni ecclesiali secondo lei?
Guardi in realtà non bisogna mai aver paura delle sanzioni perché la parola sanzione e quindi mi riferisco al codice di diritto canonico è qualcosa di prezioso nella vita della Chiesa. Perché la Chiesa non è l’Agorà, non è una sorta di piazza dove ognuno fa quel che vuole. C’è una regola da rispettare, anzitutto quella della fede: la ‘Regula Fidei’ che appunto orienta nel cammino della fede. Ma poi c’è anche un’insieme di norme canoniche che normano, regolano la vita stessa dei credenti. Perciò le sanzioni canoniche sono un’autogaranzia per la Chiesa. Il problema è se vengono adoperate nel modo giusto o meno..
Ad esempio nel mio caso viene scritto che io sono di scandalo al popolo di Dio senza spiegare perché. Non viene spiegato perché. Allora giustamente i fedeli vogliono capire. Io ho dovuto leggere ai fedeli la lettera perchè alla fine dovrò lasciare la Parrocchia se tutto va bene il Venerdì Santo.

Si dice che Bergoglio stia aprendo le porte all’anticristo attraverso il cammino di unione tra tutti i cristiani e la riconciliazione con i protestanti. Cosa ne pensa? Inoltre lei ritiene che l’anticristo sia già presente sul territorio? Si palesa già qualche nome?
Allora, le vorrei fare presente ma solo così con discrezione, visto che oggi vengo definito il ‘Masaniello’ della Chiesa Cattolica, che io ho due titoli di studio: due dottorati. Quindi sono anche teologo, due volte teologo. A riguardo della questione relativa all’anticristo che sta tornando molto di moda vorrei dire la mia personale consapevolezza: l’anticristo, prima ancora che una persona con quei tratti lì, qualche volta persino di tipo mitologico, nella Sacra Scrittura, mi riferisco ovviamente al Nuovo Testamento, in particolare alle Lettere di Giovanni e poi a San Paolo e quindi in questa visione neotestamentaria, è tutto ciò che si oppone all’annuncio che Gesù Cristo è il figlio di Dio. Giovanni dice: chiunque nega che Gesù Cristo è il figlio di Dio è l’anticristo. In questo senso per esempio la battaglia per la quale credo che io stia pagando il debito più alto che ho portato avanti nelle settimane scorse quando è venuto qui a Palermo un tale che ci viene a dire che Ario voleva soltanto rimarcare l’umanità di Gesù e che era un povero prete che non meritava quel che meritava. Ecco quel che è venuto la volta scorsa è un’anticristo. Tutte quelle operazioni, quei tentativi di rimaneggiamento della Dottrina Cattolica dove si relativizza l’unicità e la salvezza di Cristo, sulla portata unica e universale di Gesù Cristo come il Salvatore, lì c’è l’anticristo.
Perciò se si dovesse presentare un’ipotesi di un’organizzazione di chiese cioè questa sorta di riunione pancristiana se non addirittura panreligiosa, lì sicuramente c’è l’anticristo, più che come persona, come impostura finale di fronte a Cristo come unico Salvatore. E questo a me appassiona più di tutto, cioè l’annuncio anche nel 2017 che solo Gesù Cristo salva e quindi anche nel rispetto delle altre religioni noi siamo chiamati a testimoniarlo con quella passione che lo Spirito Santo non smette di dare ai testimoni della fede.

Ma lei non ritiene anche seguendo le Sacre Scritture che l’anticristo sia proprio una persona che dovrà arrivare dopo Bergoglio e che possa magari unificare non soltanto le religioni cristiane ma anche tutte le altre religioni con la creazione di un’unica religione mondiale?
Adesso che lei incalza volevo dirle che questo non esclude che però l’anticristo possa anche essere una persona in carne e ossa con tutte quelle altre dichiarazioni che anche io ho letto, nei mistici, nei Santi, nelle rivelazioni private riconosciute dalla Chiesa e nulla esclude che possa anche questo essere il tempo però devo anche dirle che secondo il teologo Von Balthasar, ogni stagione della Chiesa, nel corso dei secoli ha dovuto fronteggiare l’anticristo. Se poi oggi si presenterà in carne e ossa questo non è da escludere. Non lo escludo. Però per poterlo fronteggiare anche come singolo individuo bisogna aver chiaro questa impostazione di fondo, cioè chi viene come anticristo avrà solo uno scopo: quello di negare che Gesù Cristo è l’unico Salvatore. Ecco perché poi si dice che sarà ecologista, ambientalista, ecumenista, interreligioso..
Io non escluso personalmente, per la mia sensibilità di fede e anche direi per l’approfondimento teologico di questo campo così abbastanza minato, che questo 2017, che ci fa celebrare il centenario di Fatima e quindi con tutta la questione relativa al Terzo Segreto, possa avere delle profonde attinenze con la questione relativa all’anticristo, con l’impostura anticristica.

Nel senso che siamo vicini…
Ecco è così. Sì, sì sì.
Io penso che questo avvenimento di Fatima come una sorta di trama più o meno nascosta abbia accompagnato il cammino travagliato della Chiesa negli ultimi cento anni e direi soprattutto negli ultimi cinquant’anni dove noi vediamo e assistiamo a qualcosa come un tentativo di manipolazione apocalittica dello Spirito Cattolico, non tanto nelle strutture, perché se lei nota, di fatto poi a parte qualche eccezione in questi anni di pontificato non è che siano avvenute riforme all’interno del Vaticano, comunque della Chiesa così eclatanti finora.

No, no, infatti.. Anche se già Papa Paolo VI a suo tempo aveva detto che il fumo di Satana era entrato nella Chiesa..
Sì, sì certo, l’ha detto Paolo VI, quindi un Pontefice. Probabilmente lui si riferiva alla contestazione post-conciliare per cui si aspettavano una primavera, invece è arrivata una ‘giornata’ come quella di oggi a Palermo che raramente abbiamo: di freddo, di buio, di pioggia. E così è accaduto alla Chiesa. La contestazione del ‘68, i preti che lasciavano il ministero, i conventi che si svuotavano, tutta quella tempesta..
Ora invece per la prima volta si presenta uno cioè il sottoscritto ‘Masaniello’ che dice che la situazione di crisi all’interno della Chiesa non è determinata ipso facto dal Concilio Vaticano II che è un avvenimento di grazia in quanto tale (stiamo parlando di un Concilio Ecumenico)..
In realtà uno dei problemi molto grossi è l’interpretazione del Concilio Vaticano II.

Lo stanno interpretando a modo loro in poche parole..
Esattamente. Ma infatti in maniera abbastanza divertita dico che io adesso sto in croce, scorticato come San Bartolomeo perché i progressisti vogliono il Concilio Vaticano III e i catto-lefebvriani sono rimasti al Concilio Vaticano I.
In mezzo ci siamo noi poveri cattolici che non siamo conservatori, non siamo tradizionalisti.
Il contrario di progressisti non è tradizionalisti, ma cattolici apostolici romani quindi quelli che ci richiamano al Concilio Vaticano II che è stato un dono di grazia, lei non può immaginare taluni esponenti dell’intelligentia catto-lefebvriana con quanta veemenza e polemica siano venuti addosso al sottoscritto dicendo che è ignorante, non capisce nulla.
Arrivano fino all’insulto.
In Italia in questo momento il sottoscritto risulta essere uno dei più qualificati, esperti del pensiero di Von Balthasar in ragione del fatto che ho conseguito il Dottorato alla Pontificia Università Gregoriana con il massimo dei voti e con l’invito abbastanza raro a pubblicare per intero la tesi quando in genere la Commissione chiede di pubblicare una parte della tesi.
Nel leggere di Don Ariel che dalla torre d’avorio del suo pensiero aureo mi da dell’ignorante su Von Balthasar lei può capire… naturalmente io ho deciso di non rispondere.. siamo vicini ai giorni della Settimana Santa..
In realtà la cosa per me più interessante da dire alla fine è questa connotazione mariana di questi tempi che viviamo.
Siamo nei tempi previsti dalla Madonna. Nei tempi che porteranno al trionfo del suo Cuore Immacolato che corrisponde però anche finalmente una buona volta al trionfo del Cattolicesimo Romano che mai come oggi è preso di mira nel tentativo apocalittico di farlo scomparire per sempre dalla terra.

Cambiando argomento ultimamente è uscita la notizia tra i più accreditati media del mondo della creazione di un microchip che sarà inserito all’interno del nostro corpo. In alcuni posti è già attivo. Ne ha sentito parlare?
Certo, certo..

Anche perché se si approfondisce la questione su internet si potrà ben vedere che molti ritengono possa essere il famoso microchip di cui parla l’Apocalisse di san Giovanni. Mi dica lei..
Approfondisco questa questione perché in Apocalisse si parla del marchio della bestia e non è da escludere la possibilità che ci siano riferimenti di questo tipo qui. Del resto uno studioso letterato, Orwell, aveva previsto queste ipotesi quando aveva scritto del Grande Fratello dove parlava di quest’occhio che guarda e tiene sotto controllo tutti gli esseri umani in una sorta di sinedrio massonico.. quindi non lo escludo..

Ma secondo lei il 13 maggio 2017, in occasione del centenario dell’apparizione della Madonna a Fatima, Maria ci farà qualche regalo?
Bella domanda..
Speriamo, speriamo, preghiamo per questo.
Anche se feriti, addolorati, per quanto in questo momento si vive dentro la Chiesa non perdiamo la speranza, guardiamo avanti.

Samuel Colombo, Amministratore Delegato e Fondatore della West Africa Corporation, società media con sede legale a Londra e sede operativa in Africa occidentale, proprietaria di un giornale online internazionale di approfondimento di cui è Direttore, di un blog e presto di un magazine e una web-tv. Artista internazionale emergente, cantante e compositore di origini italiane. Fondatore e Presidente della ‘Solidarity’, organizzazione volontaria che opera in Sierra Leone a sostegno della vita e impegnata a ridurre il tasso di mortalità dei bambini 0-5 anni. Laureato in comunicazione con Master all’Università IULM di Milano da diversi anni è appassionato di questioni religiose e di fede oltre che impegnato a diffondere messaggi positivi, di speranza e a sostegno della verità. 
Posted on 03/04/2017 in State Of Play




Don Minutella: “Tomemos posiciones antes de que cambien la Misa”


Por SAMUEL COLOMBO

Continúa impertérrita la batalla por la verdad por Don Alessandro Minutella, contra esta iglesia falsa que está surgiendo, consciente de las consecuencias que pueden producirse para su persona.
Sin duda nos hace pensar esta iglesia que, en lugar de explicar y aclarar dudas y recelos, como haría un buen padre, se esconde detrás de un silencio incómodo y iniciando procedimientos y “castigando a los delincuentes.”

Pero aquí están sus declaraciones.
“Detrás de esta agenda progresista nos encontramos con un Sanedrín dirigido por estos sumos pontífices que llevan el nombre de Enzo Bianchi, Antonio Melloni, el padre Antonio Spadaro, Bruno Forte, Vincenzo Paglia, Walter Casper. Todos los hombres del diálogo, que, sin embargo, ocultan el arma de la condena, la marginación, la sospecha hacia los que no son homólogos a su forma de pensar. Aquí parece que detrás de estos hombres se camufla el manifiesto para la construcción de una superiglesia mundial que ya no tendrá nada Católica.

Estimados amigos, la verdad católica se ha convertido en una herejía.
Así que los pobres católicos, los de Juan Pablo II y Benedicto XVI, los católicos enamorados del Concilio Vaticano II en continuidad con la tradición, los católicos eucarísticos y marianos comienzan inexorablemente a llorar lo que queda del esplendor católico, observando detrás de las ventanas de la Madre Iglesia en su lenta agonía.
¡Cuánta gente perdida, cuántas almas desorientadas ..!

Es una iglesia falsa, ya que no se construyó de acuerdo con el plan de su fundador (Cristo) sino de acuerdo con sus caprichos ideológicos.
Quién no se homologa a este registro de la iglesia falsa es un loco, un herético, uno que tiene un corazón duro.

Y que desea poner a silenciar a los que no están de acuerdo.
La herejía, en este caso, se lleva a cabo por el mismo gobierno de la iglesia.
Cada mes que pasa, incluso semanas, incluso días e incluso minutos, existe el riesgo inminente de pérdida de miles, si no de millones de almas por senderos falsos voluntariamente inducidos..
Hoy es nuestro turno.

Estimados católicos, os llamo a salir a la luz pública. Basta de denuncias. Es necesaria la resistencia.
Resistencia como una defensa de la sana doctrina, hasta que el Señor regrese.
Basta con la aceptación pasiva por temor a ser condenado por los dictados de la iglesia falsa.
Hermanos y hermanas, éste es el tiempo de la gracia renovada.
Ánimo!

Ahora vendrá el tiempo de la confrontación con la iglesia falsa, que usará todos sus métodos de odio y violencia que la caracteriza.
Vamos a tener que sufrir, en las catacumbas, ser calumniados, difamados, suspendidos, objetos de sanciones canónicas.

Vamos a tener que sufrir porque tendremos que mantener unida a la resistencia la antorcha Católica a la espera de que la tormenta del falso profeta se agote a los pies de la mujer vestida del sol.
Cualquier persona que huya para unirse a la resistencia se convertirá en una víctima. Pero también es el momento de la mujer vestida de sol (Virgen María) que triunfa con su pie sobre el enemigo infernal.
¡Valor y adelante!

Me dirijo a vosotros, sacerdotes, queridos hermanos, a los muchos sacerdotes esparcidos en Italia que, como yo, se sienten incómodos, a los muchos católicos que sufren por lo que está ocurriendo y les digo en el nombre de Jesús y María que salgan y muestren el rostro auténtico y valiente del catolicismo que resiste. Nos está pidiendo el Señor, no podemos darle la espalda.
Tomemos posiciones antes de que cambien la misa.
Esto dará lugar a una serie de consecuencias.
Ellos dirán: “estáis fuera de la iglesia, sois cismáticos, os habéis construido vuestra propia Iglesia”.
Y yo digo: ¿estamos fuera de la iglesia nosotros con nuestra denuncia o lo estáis vosotros construyendo la iglesia mundanizada, adúltera y extravagante que la Beata Ana Katalina Emmerick había vislumbrado?
¡Sois vosotros los que estáis fuera de la iglesia, no nosotros que nos resistimos!
Esto debe quedar claro. Nos dirán que estamos fuera de la iglesia y, sin embargo, son ellos los que se sacan fuera a sí mismos… alguien los atrajo hacia fuera.

Sois vosotros los que estáis fuera, no nosotros que permanecemos fieles a la tradición católica y al auténtico espíritu del Vaticano II.
De su parte estarán los poderes establecidos, pero no se dan cuenta de que de la nuestra está la Virgen.
En la iglesia falsa, denunciamos, “vosotros sois la plasmación más monstruosa del tercer secreto de Fátima”.

Don Alessandro Maria Minutella, Doctor en teología dogmática, experto en mariología y del teólogo Urs von Balthasar, apóstol valiente de Virgen María, difusor entusiasta de la devoción a su Inmaculado Corazón. Don Alessandro conoce profundamente las diversas apariciones de María, sus mensajes y profecías.

Traducción de Como vara de almendro

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)

Lettori fissi - Lectores fijos