«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

Lettori fissi - Lectores fijos

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

lunedì 27 settembre 2010

Gruppo di lettura di Bryce's House "La timidezza delle rose"


É arrivato il giorno del secondo commento, siccome la mia interpretazione è troppo lunga per includere nei commenti del gruppo, lo appunto qua e poi faccio un link in Bryce's house.


Buongiorno ragazze, qua ci sono anch’io. Il libro in questa seconda parte ha fatto vedere che Diana supera l’immobilizzazione, la chiusura che aveva nel dolore di fronte alla scomparsa di sua madre e alle notizie di avere una gemella che doveva cercare. Lei non avendo altre piste per cercare la sorella, spinta dal suo cuore fa un viaggio, per andare e fare cose che secondo la sua mente sono un’assurdità. Davanti al bivio che le presenta la vita, rimanere ferma o seguire il sentiero che le segnala il cuore, sceglie la seconda possibilità, anche se razionalmente non ha senso. Ma sono d’accordo con Gio’  che il libro ci fa cercare ciò che è dentro di noi stessi, ha il formato di una favola, ma ha anche una morale. 
La frase che ha sottolineato Milena "udire le rose è facile, devi rammentare ciò che hai dimenticato, o dimenticare tutto ciò che ti è stato insegnato", significa secondo me, che a volte siamo chiusi per diversi motivi o anche per una concezione sulla vita, su diverse cose che non ci permette di vederne altre, questo a volte ci impedisce di incontrarci con gli altri o di migliorare noi stessi.
Le frasi “Due sentieri. Uno comincia e finisce qui e ora, l’altro si stende verso all’infinito” Se scelgi quello più semplice  “Ti verranno risparmiate le difficoltà, le delusioni ei fallimenti che vi dovrai affrontare.” … “Tutto sarà molto più facile, molto più comodo. Per esempio, invece di alzarti presto per recarti nel giardino, potrai dormire quanto vuoi”. Qua si spiegano due modi di vivere, rimanere dove sei che è più comodo, ma ti basta? Il tuo cuore è in pace? Sei felice? Il secondo sentiero ha molte difficoltà e c’è bisogno di fare sforzi, ma ti porta all’infinito. Io sono sempre stata una che ha scelto e preferisce il secondo sentiero nella vita, anche se a volte bisogna aspettare, avere pazienza per riuscire ad avverare i nostri sogni nel tempo futuro, ma così si ottiene molto di più….  E poi è una cosa risaputa le cose veramente di valore bisogna sudarsele per ottenerle….
Siccome questo viaggio è assai difficile “non si deve mai disperare. La macanza di certezza, insieme a ogni altro pensiero o sentimento negativo, rappresenta il principale nemico…” “Immagina una montagna… Dalla sua cima, la vista è meravigliosa. Vorresti esserci, ma la vetta sembra così lontana che perdi la speranza di raggiungerla” Rinunci?. “La verità è che i passi di coloro che hanno raggiunto la cima non erano più lunghi dei tuoi. Ma hanno solo continuato a mettere un piede davanti all’altro”. Se ci crediamo e perseveriamo, allora prima o poi…
In questo sentiero difficoltoso che aiuto abbiamo? Dove troviamo le forze? O se ci perdiamo dove troviamo l’orientamento? Nel libro che leggiamo secondo me la risposta è “Dio non lascia senza risposta chi sta aspettando con cuore sincero notizie….” “Dio, nella sua grandezza, non permetterebbe mai che le Sue creature rimanessero nell’ignoranza. Alcuni credono che Dio sia troppo superiore per interessarsi della nostra vita quotidiana. Invece, è proprio perché è così superiore che si interessa persino delle nostre più piccole faccende.”…. “È sempre con noi, ma per rendercene conto, anche noi dobbiamo essere con Lui.” … “Può inviare le risposte in modi inattesi. Talvolta tramite un sogno, talvolta tramite una rosa, forse….” … “Se Dio lo vuole, tutto può avvenire.”… E se Dio non lo vuole, aggiungo io, è perché stiamo sbagliando noi, Lui non sbaglia mai, forse quello che cerchiamo o chiediamo è una cosa che ci farà male o Lui vuole cose ancora migliori per noi.
Una frase che si è ripetuta nella prima e seconda parte del libro è: “Opponetevi agli Altri”. Qua si ritorna al tema della prima parte del libro delle apparenze, di non voler essere quello che si aspettano gli altri ma quello che veramente siamo noi, senza tradirci noi stessi.  “E poiché era solo il nostro aspetto esteriore che apprezzavano, ce ne preoccupammo sempre di più. Ci sforzavamo di stare dritte come le rose artificiali, cercavamo di conservare il più a lungo possibile le foglie. Non piangendo neppure nei momenti di commozione per evitare che i nostri petali avvizzissero. E presto poiché trascuravamo di preservarlo, il nostro profumo cominciò a svanire.”… “Perché è il suo profumo che fa di una rosa una rosa”
C’è una frase che si ripete nella prima e seconda parte del libro  “Capire cosa significhi essere responsabile di una rosa”, la spiegazione non è stata data ancora, la troveremo sicuramente nella terza parte del libro. Buona lettura care amiche!

I commenti delle altre partecipanti ci sono in http://bryceshouse-eri.blogspot.com/2010/09/gruppo-di-lettura-seconda-tappa-de-la.html#links

--------------------------------------------------------

Il mi primo commento è stato questo:


Ciao care amiche del GdL!
Il giorno del nostro incontro per commentare questo libro è arrivato, ehhh.
Nel libro la protagonista Diana si trova in un momento molto difficile della sua esistenza, ha perso sua madre che non c’è più, e questo è un enorme dolore, infatti lei era il punto di riferimento e di appoggio nella sua vita, e da questo si vede che oltre ad essere profondamente addolorata, depressa, si trova anche sperduta. Inoltre si aggiunge che è venuta a conoscenza di avere una gemella, e ciò sconvolge ancora di più il suo mondo, il suo modo di vivere, a questo punto si trova di fronte a una inevitabile biforcazione che le presenta la vita, non può continuare per la stessa via di prima, è costretta a continuare a vivere in un modo diverso, i suoi punti fermi non esistono più, per andare avanti dovrà superare la confusione in cui si trova,e riprendere forze per tornare a camminare per la nuova via della sua vita, e dovrà anche decidere dove e come continuare, come risolvere il problema della gemella sperduta, della sua scelta di una carriera come quella della giurisprudenza per cui non ha vocazione ma che praticamente è la cosa più conveniente, davanti a un sogno molto ideale, diventare scrittrice che lei vede quasi irrealizzabile, cioè dovrà scegliere se lottare con tutte le sue forze, o continuare per la strada più semplice e meno faticosa, ma anche con meno soddisfazioni, o tentare la via in salita con rischi anche di non avere nessun risultato desiderato.
Un’altra cosa che mi ha fatto riflettere è la superficialità dell’amicizia con le sue conoscenti, in realtà non sono amiche, sanno pochissime cose di lei, e sembra che siano ragazze che condividano con lei solo cose banali, come le feste, il modo più semplice di avere successo, di essere una persona molto ben vestita e considerata dagli altri solo per questo fatto. Quante volte il rapporto con i nostri amici è così? Riusciamo ad approfondire , a creare legami di vero affetto, o solo condividiamo cose superficiali?

2 commenti:

  1. Il tuo commento alla seconda parte del libro lo trovo davvero interessante, Mirta: sai sviscerare bene le situazioni e dimostri una bella sensibilità, complimenti!

    RispondiElimina
  2. complimenti si vede che sei una persona profonda...mi è piaciuto il tuo commento..Iulia

    RispondiElimina


Grazie per la visita.
Gracias por la visita.

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Colegio NSG | Coronilla a la Divina Misericordia from Colegio NSG on Vimeo.

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)