«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

Lettori fissi - Lectores fijos

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

venerdì 11 febbraio 2011

La frase della settimana- La frase de la semana (18)

Care amiche e cari amici,
Queridas amigas y queridos amigos:





Benvenuti al nostro appuntamento della frase della settimana. Questo è il pensiero d’oggi:
Bienvenidos a nuestra cita de la frase de la semana. Este es el pensamiento de hoy:

La solitudine e il sentirsi indesiderati è la più terribile delle povertà.
 (Madre Teresa di
Calcutta)

La soledad y sentirse indeseables es la más terrible probreza.
(Madre Teresa de Calcuta)

Madre Teresa asserisce che non c’è solo fame di pane e di cibo ma­teriale, ma anche di amore. Si tratta della solitudine, di non essere ricevuto dai suoi, di solitudine, che deriva del fatto di non es­sere accettati da alcuno, di non essere amati e benvoluti da nessuno. Questa è la situazione più dura, la vera povertà.

Madre Teresa asevera que no hay sólo hambre de pan y de alimento material, sino también de amor. Se trata de la soledad, no ser recibido por los nuestros, de soledad, que surge del hecho de no ser aceptados por nadie, de no ser amados o queridos por nadie.

Madre Teresa afferma che in Inghilterra c’è uno stato assisten­ziale, però che ha tro­vato della gente che moriva senza amo­re. “Qui avete un altro tipo di povertà, una povertà di spirito, una povertà fatta di so­litudine e di emarginazione. E oggi è que­sto il male peggiore del mondo, non la tu­bercolosi o la lebbra”.

Madre Teresa afirma que en Inglaterra hay un Estado asistencial, pero ha encontrado que la gente se moría sin amor. “Aquí tienen otro tipo  de pobreza, una pobreza de espíritu, una pobreza hecha de soledad y de marginación. Y hoy es este el peor mal del mundo, no la tuberculosis o la lepra”.


Si trovano delle persone sole, che sono conosciu­te unicamente in base al numero del loro appartamento. Nella stanza accanto a noi, forse vi abita un ricco, che non ha nessuno che vada a trovalo; magari possiede un mucchio di altre cose, quasi vi affoga dentro, ma non possiede quel contatto umano e ha bisogno del vostro contatto. Racconta Teresa di Calcutta che un uomo mol­to ricco è venuto da loro e ha detto: «Per favore, venite a casa mia, lei o qual­cun altro. Sono quasi mezzo cieco e mia moglie sta dando i numeri; i nostri figli sono tutti emigrati moriamo di solitu­dine. Abbiamo un gran desiderio di sen­tire il suono di una voce umana».

Se encuentran personas solas, que son conocidas únicamente por el número de su apartamento. En la habitación del lado, tal vez vive un rico, que no tiene a nadie que venga a visitarlo; tal vez posee muchísimas otras cosas, casi se ahoga dentro, pero no posee aquel contacto humano y necesita de vuestro contacto. Relata Teresa de Calcuta que un hombre muy rico se acercó a ellas y dijo: “Por favor, vengan a mi casa, usted o alguna otra persona. Soy casi ciego y mi esposa se está enloqueciendo; nuestros hijos son todos emigrados y morimos de soledad. Tenemos un gran deseo de sentir el sonido de una voz humana”.

“Non accontentiamoci di dare del dena­ro. Il denaro non basta, perché uno se lo può anche procurare; la gente ha bisogno del vostro cuore, ha bisogno di un po' d'a­more. Perciò irraggiate amore ovunque andate e anzitutto nella vostra propria ca­sa. Amate i vostri figli, vostra moglie o vostro marito, il prossimo che abita ac­canto a voi”.

“No nos conformemos con dar dinero. El dinero no basta, porque uno se lo puede conseguir; la gente necesita de vuestro corazón, le hace falta un poco de amor. Por eso irradiad amor por doquier, y sobre todo en vuestra propia casa. Amad vuestros hijos, vuestra esposa o vuestro marido, el prójimo que vive al lado de vosotros”.

Vedere anche Frase della settimana (17) 
Ver también Frase de la semana (17) 

10 commenti:

  1. Bellissimo questo post, parole vere che ogni tanto bisogna rileggere e sulle quali è necessario meditare.
    Buon fine settimana, cara Mirta.
    Erika

    RispondiElimina
  2. La fame d'amore è la più terribile... ed è diffusa in tutto il mondo...anche nei paesi cosiddetti "ricchi"...

    RispondiElimina
  3. E' vero: l'amore è la cosa più importante! io ci ho sempre creduto e ci crederò sempre!
    Baci baci

    RispondiElimina
  4. ogni uomo è solo ma nessun uomo è inutile...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Grazie cara Mirta, ci fai rammentare che senza amore non è vita.
    Buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Mirta esta entrada es muy bella ,pero me causa mucha tristeza,ya llevé el premio a los mimos. Besos.

    RispondiElimina
  7. Più che gusto.....d'altra parte l'ha detto una grnade Santa!
    L'assistenzialismo non serve o meglio non basta.....è l'amore, il donarsi agli altri con tutti se stessi che vale!
    Maris

    RispondiElimina
  8. La solitudine è il male della nostra società, la famiglia si è sfasciata e i vecchi muoiono soli. Quanto è triste tutto questo. Il pane è necessario per il corpo e l'amore è necessario per l'anima.

    RispondiElimina
  9. ciao...che bello questo pensiero...è vero noi siamo fatti per stare con gli altri.per aiutarci e sorreggerci a vicenda...ciao..luigina

    RispondiElimina
  10. Carissimi, grazie dei vostri commenti, a me questi insegnamenti di Teresa di Calcutta mi hanno fatto riflettere molto, è proprio vero che quella è la peggior povertà, la solitudine non avere l'affetto di nessuno... Un abbraccio

    Querida Violeta, si es triste esta realidad, pero la podemos cambiar comenzando a amar nosotros ... a no permitir que los demás estén solos. un gran abrazo.

    RispondiElimina


Grazie per la visita.
Gracias por la visita.

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Colegio NSG | Coronilla a la Divina Misericordia from Colegio NSG on Vimeo.

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)