«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

Lettori fissi - Lectores fijos

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

sabato 25 giugno 2011

La frase della settimana (35) e Venezia- La frase de la semana (35) y Venecia


Care amiche e cari amici,
Queridas amigas y queridos amigos:






Benvenuti al nostro appuntamento della frase della settimana. Io sto riflettendo su  questi pensieri, spero che aiutino anche voi:
Bienvenidos a nuestra cita de la frase de la semana. Yo estoy reflexionando sobre estos estas ideas, espero que les sirvan también a ustedes:

Dimentica i torti subiti. Usa la tua memoria per ricordare gli avvenimenti positivi e la tua saggezza per dimenticare quelli negativi. (Anonimo)
Olvida los ultrajes sufridos. Usa tu memoria para recordar los  episodios positivos y tu sabiduría para olvidar los negativos. (Anónimo)


Gli uomini se ricevono il male lo scrivono nel marmo, se ricevono il bene lo scrivono nella polvere. (citazione  tratta di Alberoni)

Los hombre si reciben  el mal lo escriben en el mármol, si reciben el bien lo escriben en el polvo (cita de Alberoni)



Alberoni dice che basta poco per scordare il bene e trasformare l’amore in odio che c’è, nel fondo dell’animo umano la tendenza a mettere tutto il bene da una parte e tutto il male dall’altra.

Alberoni dice que basta poco para olvidar el bien y transformar el amor en odio, che hay en el fondo del ánimo humano una tendencia a poner todo el bien de una parte y todo el mal de la otra parte.

“E se riflettiamo un attimo ci accorgiamo che questo comportamento lo abbiamo anche nella vita quotidiana. Per anni siamo andati in un negozio dove ci hanno sempre trattato bene, con gentilezza. Poi è successo qualcosa di sbagliato, uno sgarbo, ci siamo impuntati, siamo usciti sbattendo la porta e ancora oggi, ripensandoci, ci sentiamo avvampare di collera. E in un’amicizia durata anni e anni a volte basta una incomprensione per creare un rottura a cui segue un rancore duraturo. I divorziati cancellano dalla memoria i periodi felici per ricordare solo le amarezze ed i torti.

E tutto questo non lo facciamo per istinto, lo facciamo intenzionalmente. Dopo una separazione o una lite siamo noi che ritorniamo volontariamente sui fatti per convincerci che avevamo ragione e l’altro torto. Sono poche le persone con un animo sereno e obbiettivo. Che riescono a ricordare i momenti di felicità che hanno vissuto insieme, a riconoscere le qualità e le virtù di coloro da cui si sono separati, a riconoscere la propria parte di colpa”… .  (Francesco Alberoni, “Basta poco per scordare il bene e trasformare l’amore in odio”, Corriere della Sera, 20/09/2011).

“Si reflexionamos un momento nos damos cuenta que este comportamiento es frecuente también en la vida cotidiana. Por años hemos ido a un negocio donde nos han siempre tratado bien, con gentileza. Pero después ha ocurrido algo equivocado, una descortesía, nos hemos ofuscado, hemos salido golpeando la puerta y todavía hoy, recordándolo, nos sentimos encendidos de cólera. Y en una amistad que duró años y años a veces basta una incomprensión para crear una rotura a la cual sigue el rencor duradero. Los divorciados borran de la memoria los periodos felices para recordar solo las amarguras y ofensas”… “ Y todo esto no lo hacemos por instinto lo hacemos intencionalmente, depués de una pelea volvemos voluntariamente sobre los hechos para convencernos de que tenemos razón y que el otro se equivoca. Son pocas las personas con un animo sereno y objetivo, que logran recordar los momentos de felicidad vividos juntos, que recuerdan las cualidades y virtudes de los que se separaron, que reconocen la propia parte de culpa”. (Francesco Alberoni, “Basta poco per scordare il bene e trasformare l’amore in odio”, Corriere della Sera, 20/09/2011).


Questa settimana sono andata a Venezia non a passeggiare ma ad un incontro nazionale di diritto privato, ho scattato queste foto:

Esta semana he ido a Venecia, no de paseo, sino a un encuentra nacional de Derecho privado, les he traído estas fotos:

















Ho ricevuto questo premio di  Luisa  http://cordobesadecolores.blogspot.com/ che ringrazio e dono a tutti gli amici di Luce nel cuore

He recibido este premio de Luisa http://cordobesadecolores.blogspot.com/  le agradezo mucho y lo concedo a todos los amigos de Luce nel cuore 




 Un dono di Simo http://valzerdiemozioni.blogspot.com/   Grazie mille è bellissimo!!!
Un obsequio de Simo... ¡Muchas gracias!!!



18 commenti:

  1. Le incomprensioni possono nascere, sta a noi chiarirci subito e non serbare rancore
    Buona domenica, Mirta.

    RispondiElimina
  2. Ciao Mirta.. Si mi è capitato parecchie volte, però non c'è stato niente da fare, perchè non tutti hanno il coraggio di chiedere scusa o di chiarirsi. Una volta ho subito una grande torto che mi ha arrecato dolore. Dopo un pò ho capito che cmq dovevo accettare le cose e che anchio avevo delle responsabilità.. volevo bene a quelle persone.. ma non c'è stato niente da fare!Ho provato ma forse non era vera amicizia!
    A te è successo qualcosa del genere?
    Felice giornata!!
    Stefy

    RispondiElimina
  3. Cara Mirta con te si comprende tante cose, la tua chiarezza ci dice che tutto è possibile le incomprensioni con te spariranno di sicuro.
    Mi prendo con piacere questo premio ricordo.
    Buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Cara Stefy, si mi è capitato ciò che dici, ma l'importante è non servare rancore noi nel nostro cuore e perdonare, e se l'altro non lo fa è doloroso, ma il peggio è per lui perché il rancore è un veleno che arreca tanti danni tolglie la pace a chi lo coltiva...

    Grazi dei vostri commenti e saluti che ricambio di cuore!!

    RispondiElimina
  5. Ci sono persone che serbano rancore e fanno di tutto per non farlo trapelare finchè non hanno raggiunto il loro scopo....quello di odiare il fratello e togliere lui l'affetto dei congiunti
    L'odio non porta da nessuna parte e prima o poi dobbiamo renderne conto
    Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Ciao Mirta, condivido in tutto il commento di Gianna.
    Trincerarsi dietro barricate costruite da noi stessi, favorisce solo l'incomunicabilità, con il risultato di far vivere male!
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  7. carissima mirta, sono un po' assente ultimamente! che peccato non aver saputo in tempo quando saresti stata a venezia, magari il tempo di un saluto saremmo riuscite a trovarlo! la prossima volta che vieni fammelo sapere e cercherò di raggiungerti!
    ti auguro di cuore un felice sabato (quel che resta) e una buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Ciao Mirta! Un abbraccio e buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
  9. Mis felicitaciones por el merecido premio.
    un grato placer pasar por tu casa.
    que disfrutes el fin de semana.
    un abrazo.

    RispondiElimina
  10. Tesoro, le foto sono sensazionali...
    ...quanto alla frase...
    ...io sono convinta da sempre che se seguissimo l'istinto a livello sentimentale, senza permettere alla ragione di prevaricarlo, non sapremmo neppur lontanamente cos'è il rancore...

    Ti voglio bene, felice domenica!

    Maddy

    RispondiElimina
  11. Hai ragione Mirta. Il rancore è una cosa terribile, avvelena il sangue, ti fa vivere male e lascia un segno orribile sul viso.

    RispondiElimina
  12. Ciao Mirta, noi esseri umani siamo tanto complicati, ci facciamo del male calandoci sempre nella negatività delle situazioni, non riusciamo a capire che un torto subito non è un reale danno per noi ma lo è purtroppo per chi lo ha perpetrato che non è sereno con sè stesso!
    Bellissima Venezia!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  13. Grazie carissimi amici dei vostri arricchenti commenti. Un abbraccio a tutti e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  14. Conozco algún caso en el que una persona ha tenido más en cuenta una disputa, que toda una vida de amistad. Es muy triste. Creo que Alberoni puede tener un poco de razón. ¿Será porque a veces puede haber heridas espirituales en ese tipo de conflictos?
    .

    RispondiElimina
  15. PD: Bonitas fotos de Venecia

    RispondiElimina
  16. Querido Javier, si tienes razón se producen heridas espirituales, pero como dice la primera frase hay que saber olvidar las ofensas, y recordar las cosas buenas, es mucho mejor. Gracias por tu visita y comentarios. ¡Feliz domingo!

    RispondiElimina
  17. E' nella logica umana fare ciò che sottolinea Alberoni....dimenticare facilmente il bene ricevuto ma scolpire nella mente un eventuale torto...
    Ma non è questa la logica di Dio, che è Misericordia infinita, e se vogliamo cercare di essere anche solo lontanamente buoni cristiani dobbiamo almeno provare a perdonare le offese.
    Ma come è difficile, Mirta!! Io nonostante i miei buonissimi propositi sono una persona permalosa e pur non serbando magari un vero e proprio rancore non riesco facilemnte a vedere chi mi ha fatto una scorrettezza subito con gli occhi del perdono...
    Devo fare ancora molto cammino!
    Maris

    RispondiElimina
  18. Cara Maris,
    Il cammino non è facile per nessuno, lo ha detto Gesù, la porta è stretta, ma non siamo soli, è molto importante cominciare dalla preghiera di tutti i giorni, scegliendo una potente devozione come per esempio la pratica delle 3 Ave Maria http://lucenelcuore.blogspot.com/2011/05/la-potente-devozione-delle-tre-ave.html#more o cinque minuti ogni mattina con il Cuore di Gesù e di Maria http://lucenelcuore.blogspot.com/2011/06/la-consacrazione-personale-al-sacro.html

    Un abbraccio per te!

    RispondiElimina


Grazie per la visita.
Gracias por la visita.

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Colegio NSG | Coronilla a la Divina Misericordia from Colegio NSG on Vimeo.

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)