«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

Lettori fissi - Lectores fijos

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

mercoledì 28 ottobre 2015

Può solo diventare un inferno una Chiesa in cui ogni singolo caso diventa legge a se stesso- Sólo puede convertirse en un infierno una Iglesia en la cual cada caso llega a ser una ley para sì mismo













Alessandro Gnocchi spiega che "c’è stato anche chi ha scoperto che nell’intero documento votato dai padri sinodali non si parla mai di “comunione” ai divorziati risposati. E questa trovata è persino più comica delle altre perché basta leggere il punto 84 del documento, dove si dice: “La logica dell’integrazione è la chiave del loro accompagnamento pastorale, perché non soltanto sappiano che appartengono al Corpo di Cristo che è la Chiesa, ma ne possano avere una gioiosa e feconda esperienza. Sono battezzati, sono fratelli e sorelle, lo Spirito Santo riversa in loro doni e carismi per il bene di tutti. La loro partecipazione può esprimersi in diversi servizi ecclesiali: occorre perciò discernere quali delle diverse forme di esclusione attualmente praticate in ambito liturgico, pastorale, educativo e istituzionale possano essere superate. Essi non solo non devono sentirsi scomunicati, ma possono vivere e maturare come membra vive della Chiesa, sentendola come una madre che li accoglie sempre, si prende cura di loro con affetto e li incoraggia nel cammino della vita e del Vangelo”.

"... A beneficio di chi non ha studiato il catechismo e cerca di spiegarlo agli altri, questo significa: comunione. Le “membra vive” della Chiesa sono quelle in stato di grazie che, proprio per questo, possono comunicarsi.

[…] Perché può solo diventare un inferno una Chiesa in cui ogni singolo caso (oggi i divorziati risposati, domani chissà cos’altro) diventa legge a se stesso. Una Chiesa in cui, “caso per caso”, ognuno decide della propria innocenza. Una Chiesa, di fatto, senza legge. Il disegno demoniaco non è quello di una Chiesa in cui l’ordine dei princìpi, e quindi delle leggi, sia invertito, ma una Chiesa in cui l’ordine non esiste".

Per saperne di più qua







Señala el periodista italiano Alessandro Gnocchi, que en realidad el Sínodo logró su objetivo, y en la Relatio final del Sínodo mismo se habla de Comunión, porque hay que leer muy bien el n. 84 de la misma Relatio, en particular donde se menciona que los divorciados vueltos a casar son “MIEMBROS VIVOS” de la Iglesia; “miembros vivos” significa, según Catecismo de la Iglesia Católica, personas que en estado de gracia pueden Comulgar.


84. […] La lógica de la integración es la clave de su acompañamiento pastoral, para que no solo sepan que pertenecen al Cuerpo de Cristo que es la Iglesia, sino para que puedan tener una feliz y fecunda experiencia de ella. Son bautizados, son hermanos y hermanas, el Espíritu Santo derrama en ellos dones y carismas para el bien de todos. Su participación puede expresarse en diversos servicios eclesiales: es necesario por ello discernir cuáles de las diversas formas de exclusión actualmente practicadas en el ámbito litúrgico, pastoral, educativo e institucional pueden ser superadas. Ellos no están y no deben sentirse excomulgados, y pueden vivir y madurar como MIEMBROS VIVOS de la Iglesia, sintiéndola como una madre que los acoge siempre, los cuida con afecto y los alienta en el camino de la vida y del Evangelio.


** ** ** **


“… sólo puede convertirse en un infierno una Iglesia en la cual cada caso (hoy los divorciados vueltos a casar, mañana quizás otra cosa) llega a ser una ley para sì mismo. Una Iglesia en la cual “caso por caso”, cada uno decide de su propia inocencia. Una Iglesia, de hecho, sin ley. El plan demoníaco no es aquello de una Iglesia en la cual el orden de los principios, y por tanto de las leyes, sea alterado, sino una Iglesia en la cual el orden non existe.”


“Una Iglesia del “caso por caso” se convertiría inmediatamente incapaz de hablar a los hombres, porque se volvería en una Babel en la cual cada uno usa su propia lengua, reflejo de sus propios valores. Llegaría a ser el lugar infernal en el cual las palabras no dicen nada más, porque nadie, excepto quien las pronuncia, comprendería el significado. Se asemeja terriblemente al infierno así como el demonio lo describe en el “Doktor Faustus” de Thomas Mann.”


Leer más acá


19 commenti:

  1. Post molto bello, ma io preferisco il nuovo Papa. Buon proseguimento di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra bello niente, purtroppo Bergoglio non è un il vero Papa

      Elimina
  2. Cara Mirta, credo che Papa Bergoglio cerci di salvare la chiesa, lui è stato un povero e vorrebbe aiutare i poveri!!!
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso purtroppo non è così, il suo obbiettivo è distruggere la Chiesa, Lui è il Falso Profeta predetto nell'Apocalisse

      Elimina
  3. Ciao Mirta, a distruggere la Chiesa ci hanno già pensato i preti e prelati pedofili e chi li ha protetti, oltre alla devozione al dio denaro che ha imperato in Vaticano durante tutti gli scorsi anni, vedi Ior e scandali annessi….è molto triste vedere che i giovani abbandonino la pratica religiosa per questi motivi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara amica quanto ci siamo allontanati dal Signore, sono stati predetti questi attacchi dal nemico alla chiesa nel libro del Apocalisse e in tante apparizioni della Madonna. Mi sorprende come non si riesce a vedere cosa sta accadendo, bisogna pregare molto lo Spirito Santo per il discernimento. La gente come tanti pastori si sono allontanati tantissimo dal Signore, non hanno la fede vera, sono veramente persi.

      Elimina
  4. Si los ovispos deciden que los divorciados vueltos a casar son Miembros vivos de la Iglesia será que se lo ha inspirado el Espíritu Santo y yo tengo que estar de acuerdo.Besicos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Querida amiga te invito a leer las profecías de San Francisco, Beata Emerick, Garabandal, Fatima. Algunas están publicadas en este blog.

      Elimina
    2. Nadie puede cambiar el Evangelio y lo que dice Jesús es muy claro, ningún obispo ningún Papa, puede cambiar la Palabra de Dios, es inmutable, está escrita en la Roca, no hay modo de cambiarla.

      Elimina
  5. COMUNIONE AI DIVORZIATI RISPOSATI? QUANDO GIOVANNI PAOLO II SPIEGÒ IL «NO» IRREMOVIBILE DELLA CHIESA
    http://www.iltimone.org/30580,News.html

    RispondiElimina
  6. Ciao Mirta sono qui per ringraziarti della visita e del bellissimo disegno che mi hai lasciato!Per ora leggo i tuoi articoli,sono argomenti piuttosto seri e sicuramente interessanti ! Riguardo Papa Francesco anch'io lo vedo bene pero' leggo con interesse anche cio' che ne scrivi tu!
    Un abbraccio e grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua visita carissima Rita, io vorrei che in questo blog ci fossero solo post con argomenti gradevoli, ma siccome ci troviamo in un momento molto critico, devo dire queste cose per mettere in guardia le persone, purtroppo a volte la verità non è una cosa bella.

      Elimina
  7. La iglesia debe ser de Dios, sin nada malvado.

    RispondiElimina
  8. Buona domenica, cara Mirta e arrivederci a presto.

    RispondiElimina
  9. Ciao Mirta!
    Non riesco a vedere il male in un papa che rinuncia ai privilegi e appunto agli "orpelli" e che parla di uguaglianza fra tutti ma proprio tutti e un papa che piace a tutti perche' lui deve piacere a tutti,tutti siamo figli di Dio questo è amore, non puo' essere alcun male dentro di lui!C'è qualcosa che non torna!
    Un abbraccio ho detto solo il mio pensiero" a pelle"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita, vedo che sei tornata, mi fa piaciere. Appunto quella è la prova che Bergolio è del mondo e non di Dio.
      IL MONDO ODIA E PERSEGUITA CHI APPARTIENE A CRISTO (LE STIGMATE SIGNIFICANO I SEGNI E LE PAROLE DI ODIO CHE I DISCEPOLI DI CRISTO RICEVONO DAL MONDO). SE INVECE I NEMICI DI DIO TI APPLAUDONO E TI ACCLAMANO PROFETA C’E’ IL RISCHIO DI LAVORARE PER IL NEMICO DI DIO….
      http://www.antoniosocci.com/il-mondo-odia-e-perseguita-chi-appartiene-a-cristo-le-stigmate-significano-i-segni-e-le-parole-di-odio-che-i-discepoli-di-cristo-ricevono-dal-mondo-se-invece-i-nemici-di-dio-ti-applaudono-e-ti-accl/

      Elimina
    2. “Un Papa che oggi non subisse critiche fallirebbe il suo compito dinanzi a questo tempo. Paolo VI ha resistito alla telecrazia e alla demoscopia, le due potenze dittatoriali del presente. Ha potuto farlo perché non prendeva come parametro il successo e l’approvazione, bensì la coscienza, che si misura sulla verità, sulla fede“.

      Joseph Ratzinger (alla morte di Paolo VI)

      Elimina
    3. “Giovanni Paolo II non chiedeva applausi, né si è mai guardato intorno preoccupato di come le sue decisioni sarebbero state accolte. Egli ha agito a partire dalla sua fede e dalle sue convinzioni, ed era pronto anche a subire colpi. Il coraggio della verità è ai miei occhi un criterio di primo ordine della santità. Solo a partire dal suo rapporto con Dio è possibile capire anche il suo indefesso impegno pastorale. Si è dato con una radicalità che non può essere spiegata altrimenti”.

      Joseph Ratzinger su Giovanni Paolo II

      Elimina
    4. “Nostro Signore disse che alla fine dei tempi quando Satana sarà assiso sul suo trono (Ap 2,13), apparirà tanto simile a Lui sì da ingannare, se fosse possibile anche gli eletti (Mt 24,24). Ma se Satana opera prodigi, se pone delicatamente le mani sul capo dei bimbi, se appare benigno e benevolo con il povero, come faremo a distinguerlo dal Cristo? Ebbene Satana non porterà le stigmate sulle mani o sui piedi o sul costato. Egli apparirà come sacerdote, ma non come vittima”

      Arcivescovo Fulton Sheen

      (è in corso il processo di beatificazione: il 28 giugno 2012 papa Benedetto XVI ne ha dichiarato le virtù eroiche attribuendogli così il titolo di Venerabile)

      Elimina

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Colegio NSG | Coronilla a la Divina Misericordia from Colegio NSG on Vimeo.

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)