«Io sono la luce del mondo; chi segue me, non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita». Gv 8,12

«Yo soy la luz del mundo. El que me sigue no andará en tinieblas, sino que tendrá la luz de la Vida». Jn 8,12

Lettori fissi - Lectores fijos

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno

L'inferno esiste- El infierno existe y es eterno
clic sull'immagine- clic sobre la imagen

venerdì 1 aprile 2011

Viviamo questo Venerdì di Quaresima - Vivamos este Viernes de Cuaresma





Venerdì 1 aprile  - Mc 12,28-34
Allora si accostò a Gesù uno degli scribi che li aveva uditi discutere, e, visto come aveva loro ben risposto, gli domandò: “Qual è il primo di tutti i comandamenti?”. Gesù rispose: “Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore;  amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi”. Allora lo scriba gli disse: “Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui;  amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici”. Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: “Non sei lontano dal regno di Dio”. E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

 Viernes Mc 12,28-34
Un escriba que los oyó discutir, al ver que les había respondido bien, se acercó y le preguntó: "¿Cuál es el primero de los mandamientos?".
Jesús respondió: "El primero es: Escucha, Israel: el Señor nuestro Dios es el único Señor;
y tú amarás al Señor, tu Dios, con todo tu corazón y con toda tu alma, con todo tu espíritu y con todas tus fuerzas. El segundo es: Amarás a tu prójimo como a tí mismo. No hay otro mandamiento más grande que estos".
El escriba le dijo: "Muy bien, Maestro, tienes razón al decir que hay un solo Dios y no hay otro más que él, y que amarlo con todo el corazón, con toda la inteligencia y con todas las fuerzas, y amar al prójimo como a sí mismo, vale más que todos los holocaustos y todos los sacrificios".
Jesús, al ver que había respondido tan acertadamente, le dijo: "Tú no estás lejos del Reino de Dios". Y nadie se atrevió a hacerle más preguntas.


Sai cos’è che ti fa più soffrire?
Sono tutte le insoddisfazioni che sono in te,
le lacerazioni, i conflitti tra:
ciò che desideri e ciò che hai,
ciò che vorresti essere e ciò che sei,
la tua nostalgia di senso morale
e il male che c’è intorno a te.
Ciò che ti fa soffrire è la tua imperfezione,
la tua incompiutezza.
Non credere che la soddisfazione
delle tue aspirazioni profonde
possa venire da qualcosa che sta fuori di te,
solo Qualcuno dentro di te potrà appagarti.
(M. Quoist)

Non c’è sorpresa più magica di quella di essere amati! È il dito di Dio sulla spalla dell’uomo. (Morgan)


¿Sabes que te hace sufrir más?
Son todas las insatisfacciones que están en ti,
las laceraciones , los conflictos entre:
lo que deseas y lo que hay,
lo que quisieras ser y lo que eres,
tu nostalgia del sentido moral,
y el mal que está a tu alrededor.
Lo que te hace sufrir es tu imperfección,
tu  incumplimiento.
No creas que la satisfacción de tus aspirazione profundas
Pueda venir de algo que está fuera de ti,
Solo Alguien dentro de ti podrá  para saciarte.

¡No hay sorpresa más mágica que la de ser amados! Es el dedo de Dios sobre la espalda del hombre. (Morgan)

Santa Maria, vergine della notte,
noi ti imploriamo di starci vicino
quando incombe il dolore,
e irrompe la prova,
e sibila il vento della disperazione.
Liberaci dai brividi delle tenebre.
Non ci lasciare soli nella notte a salmodiare le nostre paure.
Anzi, se nei momenti dell’oscurità ti metterai vicino a noi
e ci sussurrerai che anche tu,
vergine dell’attesa,
stai aspettando la luce,
le sorgenti del pianto si disseccheranno sul nostro volto.
E ci sveglieremo insieme nell’aurora.
Così sia.

Salve Regina, Madre di misericordia, vita, dolcezza, speranza, nostra, salve.

Santa María, Virgen de la noche,
Nosotros te imploramos de estar cerca,
cuando el dolor desgarra,
e irrumpe la prueba,
e sopla el viento de la desesperación.
Líbranos de los  estremecimientos de las tinieblas.
No nos dejes solos en la noche a salmodiar nuestros miedos.
Al contrario, si en los momentos de la oscuridad te acercas a nosotros
y nos susurras que también tú,
virgen de la espera,
estás esperando la luz,
las surgentes  del llanto se secarán sobre nuestro rostro.
Y nos despertaremos juntos  en la aurora.
Así sea.

Salve Reina y Madre de misericordia, vida, dulzura y esperanza nuestra, salve.




3 commenti:

  1. Ciao Mirta, mi spiace, ultimamente non sono riuscita a fare i miei giri dai blog amici, per un impegno improvviso. Passo però almeno per un saluto e per augurarti buon weekend.

    RispondiElimina
  2. grazie per queste parole che ci aiutano a riflettere....un abbraccio lory

    RispondiElimina
  3. Mirta, che splendide parole...
    ...sai, quelle di M. Quoist mi han fatto tornare alla mente le parole di nostro Signore Gesù nell'Atto di Affidamento: "...quel che vi fa un male immenso è il vostro pensiero, il vostro assillo..."

    Un abbraccio infinito,
    buon weekend cara amica mia!

    Maddy

    RispondiElimina


Grazie per la visita.
Gracias por la visita.

Coroncina alla Divina Misericordia

Coroncina della Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska): “Oh! che grandi grazie concederò alle anime che reciteranno questa coroncina” (Diario, 848). “Con essa otterrai tutto, se quello che chiedi è conforme alla mia volontà”. (Diario, 1731). “Recita continuamente la coroncina che ti ho insegnato. Chiunque la reciterà, otterrà tanta Misericordia nell’ora della morte. ” Gesù ha raccomandato di recitare la coroncina a qualsiasi ora ma in particolare nell'ora della propria morte, ossia le 3 del pomeriggio, che Lui stesso ha chiamato un'ora di grande misericordia per il mondo intero. "In quell'ora dice Gesù non rifiuterò nulla all'anima che Mi prega per la Mia Passione" (Diario, 687)..

Coronilla de la Divina Misericordia

Colegio NSG | Coronilla a la Divina Misericordia from Colegio NSG on Vimeo.

Coronilla de la Divina Misericordia
(Dice Gesù a Santa Faustina Kowalska)“Por el rezo de este Rosario, me complace dar todo lo que me pidan. Quien lo rece, alcanzará gran Misericordia en la hora de su muerte. Aunque sea un pecador empedernido, si reza este Rosario, aunque sea una sola vez, logrará la gracia de mi infinita Misericordia”.“Si se reza este Rosario delante de los moribundos, se calma la ira de Dios, y su insondable Misericordia se apodera de su alma. Cuando recen este Rosario al lado del moribundo, me pondré entre el Padre y el alma moribunda, no como justo Juez, sino como Redentor Misericordioso”.

"Se stai cercando Dio e non sai da che parte cominciare, impara a pregare e assumiti l'impegno di farlo ogni giorno..."(Teresa di Calcutta)

Si estás buscando a Dios y no sabes como empezar, aprende a rezar, asume el compromiso de hacerlo cada día...(Teresa de Calcuta)

Apparizioni di Garabandal: Un avviso, un miracolo, un castigo (clic sull'immagine)

Apariciones de Garabandal: Un Aviso, un Milagro, un Castigo (Clic sobre la imagen)